Caffè Filosofico
"Lasciamo da parte quella melensa definizione della filosofia come amore della sapienza che porta lontano dal significato autentico della filosofia. Philos vuol dire aver dinanzi qualcosa di cui si ha cura come di se stessi". (Emanuele Severino, 21-09-2008 Festival di Filosofia a Modena)

UN CALOROSO BENVENUTO IN CAFFE' FILOSOFICO, UN SITO CHE VUOLE ESSERE NON SOLO CONSULTATO MA SOPRATTUTTO PARTECIPATO E SCRITTO.
BUON CAFFE' FILOSOFICO!
Homepage

1 Luglio Gottfried Leibniz 1646

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

default 1 Luglio Gottfried Leibniz 1646

Messaggio Da Admin - AnnaGarofalo il Lun Giu 30, 2008 11:57 pm






Leibniz, Gottfried Wilhelm (Lipsia 1646 - Hannover 1716), filosofo, matematico e uomo politico tedesco, il cui nome è noto anche nella forma “Leibnitz”. Dopo aver studiato presso varie università tedesche, dal 1666 (anno in cui si laureò in diritto) fu al servizio dell’arcivescovo elettore di Magonza con vari incarichi giuridici, politici e diplomatici. Nel 1673 si recò a Parigi, dove visse per tre anni dedicandosi a studi di logica, matematica, fisica e filosofia. Nel 1676 fu nominato bibliotecario e consigliere privato alla corte di Hannover; mantenne l’incarico fino alla morte.

Gli interessi di Leibniz, considerato un genio universale dai contemporanei, spaziano nei più diversi campi del sapere, dalla matematica alla filosofia, dalla teologia alla fisica, ma investono anche i campi del diritto, della diplomazia, della politica, della storia e della filologia. Egli non lasciò tuttavia opere di carattere sistematico e la sua vastissima produzione filosofico-scientifica consiste di saggi brevi, oltre che di numerosi abbozzi rimasti per lungo tempo inediti. Tra gli scritti filosofici principali di Leibniz vi sono: Saggi di teodicea (2 voll., 1710), Monadologia (postuma, 1718-1720) e Nuovi saggi sull’intelletto umano (postumi, 1765).


Fonte.

Leibniz occupa una posizione centrale nella storia del razionalismo moderno. Contro il dualismo della metafisica di Cartesio e contro la sua limitata concezione meccanicistica della fisica, Leibniz fece valere un nuovo concetto di sostanza come “forza viva”, centro di forza e di energia spirituale, che egli chiamò anche “monade”.

Inoltre, contro il monismo della filosofia di Baruch Spinoza, che riduceva tutte le manifestazioni dell’universo all’unica sostanza divina, egli fece valere sia il principio della pluralità dei singoli centri sostanziali o monadi, sia il principio della personalità di Dio. L’universo appare così costituito da innumerevoli “monadi” o atomi spirituali (sostanze semplici e inestese), disposte in un ordine con al vertice la monade suprema o Dio.

Ogni monade rappresenta un microcosmo individuale, rispecchiando l’universo secondo gradi di perfezione crescente e sviluppandosi indipendentemente da tutte le altre monadi. L’attività di ciascuna monade consiste nell’esplicarsi in sempre nuove percezioni. Queste, a loro volta, non sono tutte chiare e distinte, come le idee di cui parlava Cartesio, ma comprendono anche percezioni “oscure e confuse”, ovvero, come si direbbe oggi, inconsce. Le monadi si distinguono pertanto tra loro per il diverso grado di chiarezza e di perfezione delle loro percezioni.

La materia non è propriamente una sostanza corporea, ma un aggregato di un’infinità di monadi dotate di vita. “Ogni parte della materia”, scrive Leibniz, “può esser concepita come un giardino pieno di piante e uno stagno pieno di pesci. Ma ogni ramo della pianta, ogni membro dell’animale, ogni goccia dei suoi umori è ancora un giardino o uno stagno di tal fatta”.

Fonte.

Admin - AnnaGarofalo
Admin

Numero di messaggi : 299
Data d'iscrizione : 20.03.08

Vedere il profilo dell'utente http://caffefilosofico.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum