Homepage

Calcio e morale

Andare in basso

default Calcio e morale

Messaggio Da Admin - AnnaGarofalo il Sab Feb 26, 2011 10:13 pm

(...) Un giovane filosofo francese, Ollivier Pourriol nel suo libro Eloge du mauvais geste (Elogio del cattivo gesto,
Edizioni Nil) azzarda una tesi peregrina: le scorrettezze dei grandi
campioni di calcio altro non sono che l’affermazione della loro libertà e
del loro genio.
(...) Come giustificare questi comportamenti? A nessuno, tanto meno un
filosofo, interessa giustificare. Si tratta piuttosto di comprendere. Il
cattivo gesto, come un lapsus, fa affiorare un incosciente, manifesta ciò che è nascosto. È un momento di singolarità.
(...) Se la regola è un segno di civiltà, la disobbedienza resta un atto di libertà.
Fonte.
avatar
Admin - AnnaGarofalo
Admin

Numero di messaggi : 308
Data d'iscrizione : 20.03.08

Visualizza il profilo http://caffefilosofico.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

default Re: Calcio e morale

Messaggio Da Admin - AnnaGarofalo il Sab Feb 26, 2011 10:17 pm

Admin - AnnaGarofalo ha scritto:
(...) Se la regola è un segno di civiltà, la disobbedienza resta un atto di libertà.
Il punto interrogativo alla fine di questa frase è d'obbligo. Non per altro che per potersi considerarsi almeno come minimamente "filosofica". Ma questa è solo un'altra opinione.
avatar
Admin - AnnaGarofalo
Admin

Numero di messaggi : 308
Data d'iscrizione : 20.03.08

Visualizza il profilo http://caffefilosofico.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum