Caffè Filosofico
"Lasciamo da parte quella melensa definizione della filosofia come amore della sapienza che porta lontano dal significato autentico della filosofia. Philos vuol dire aver dinanzi qualcosa di cui si ha cura come di se stessi". (Emanuele Severino, 21-09-2008 Festival di Filosofia a Modena)

UN CALOROSO BENVENUTO IN CAFFE' FILOSOFICO, UN SITO CHE VUOLE ESSERE NON SOLO CONSULTATO MA SOPRATTUTTO PARTECIPATO E SCRITTO.
BUON CAFFE' FILOSOFICO!
Homepage

12 Settembre 1804 - Ludwig Feuerbach

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

default 12 Settembre 1804 - Ludwig Feuerbach

Messaggio Da Admin - AnnaGarofalo il Lun Set 15, 2008 12:14 am





Ludwig Feuerbach nacque il 28 luglio 1804 a Landshut nella Baviera e morì a Rechenberg il 13 settembre 1872. Scolaro di Hegel a Berlino, libero docente ad Erlangen, si vide troncare la carriera universitaria dall'ostilità incontrata dalle idee sulla religione esposte in uno dei suoi primi scritti, Pensieri sulla morte e l'immortalità (1830). Si ritirò allora nella solitudine e nello studio e visse quasi sempre a Bruckberg. Nell'inverno 1848-1849, per invito di una parte degli studenti di Heidelberg, tenne in quella città le Lezioni sull'essenza della religione. L'invito era stato reso possibile dagli avvenimenti del'48 e fu soltanto una parentesi nella vita di Feuerbach, che passò i suoi ultimi anni in miseria, a Rechenberg. Dapprima hegeliano fervente, Feuerbach si staccò in seguito dall'hegelismo e il distacco è segnato dallo scritto Critica della filosofia hegeliana (1839), al quale seguirono nello stesso senso le Tesi provvisorie per la riforma della filosofia (1843) e Princìpi della filosofia dell'avvenire (1844). Ma intanto aveva pubblicato, nel 1841, la sua opera fondamentale, L'essenza del cristianesimo; alla quale seguì nel 1845 l'altra altrettanto importante L'essenza della religione. Le opere successive non fanno che riprendere e riesporre le tesi contenute in queste due opere: Lezioni sull'essenza della religione (tenute come si è detto nel 1848-1849, ma pubblicate nel 1851); Teogonia secondo le fonti dell'antichità classica ebraico-cristiana (1857); Divinità, libertà e immortalità dal punto di vista dell'antropologia (1866); Spiritualismo e materialismo (1866); L'eudemonismo (postumo).






54. […] Dio presuppone dunque uomini che lo onorino e lo preghino; Dio è un ente il cui concetto o rappresentazione non dipende dalla natura, ma dall'uomo, e dall'uomo religioso; [...] Credere significa immaginarsi che esista ciò che non è, significa, per es., immaginarsi che questa immagine sia un ente vivente, che questo pane sia carne e questo vino sangue, cioè che sia ciò che non è. 55. "Il tuo Dio è tale qual è il tuo cuore". Quali i desideri degli uomini tali sono i loro dèi. I greci avevano dèi limitati il che vuoi dire che avevano desideri limitati. E anche quando, mediante la filosofia, essi raffinarono e spiritualizzarono i loro dèi, i loro desideri rimasero sempre sul terreno della realtà, sul terreno della natura umana. […] I cristiani vogliono essere infinitamente di più, vogliono essere infinitamente più felici degli dèi dell'Olimpo;[...] beatitudine e divinità sono la stessa cosa. [...]Chi non ha più desideri soprannaturali, non avrà più nemmeno essenze soprannaturali.


(Ludwig Feuerbach, L’essenza della religione, in L. Casini (a cura di), La filosofia dell’avvenire e la critica della religione, Le Monnier, Firenze, 1982, pp. 166 – 170).


avatar
Admin - AnnaGarofalo
Admin

Numero di messaggi : 299
Data d'iscrizione : 20.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://caffefilosofico.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum